Home ·   3475285023 ·   Mail ·  

Camp Nou: storia di calcio e passione

Il Camp Nou non è solo lo stadio più grande di Barcellona, è anche lo stadio più grande d'Europa con la sua capienza di 99'354 persone.

Esse si ritrovano unite da una grande passione, quella per il Barcelona Football Club, che tutti chiamano amichevolmente "Il Barςa". Oltre agli incontri sportivi (non solo calcio!) il Camp Nou ospita concerti di grandi artisti internazionali di cui Bruce Springteeen e i Coldplay sono solo un esempio. La sua stessa storia è intensa e di respiro internazionale, da scoprire attraverso una visita al suo interno e tra gli allestimenti del museo dedicato acquistando il biglietto.

Stadio Camp Nou
Stadio Camp Nou

Storia del Camp Nou

La passione verso un nuovo stadio

Durante i primi anni la squadra del Barcellona si divideva costantemente tra diversi stadi, finché nel 1922 non venne inaugurato quello di Les Corts, il quale fu rimodellato più volte per trovare posto alla crescente fan base di tifosi. A partire dal 1948 tutti furono sempre più disposti all'idea di costruire uno stadio completamente nuovo, anche se non fu cosa semplice convincere le autorità locali. Si dice che ciò che alla fine indusse a questa svolta fu l'arrivo dell'oggi leggendario Ladislau Kubala, giocatore incredibile capace di animare lo spirito del club e la passione dei suoi fans. Fu proprio dopo la vincita consecutiva di due titoli della Liga che nel 1950 l'allora presidente Augustí Montal y Galobart firmò l'acquisto dell'area chiamata La Maternidad. Seguì un periodo turbolento, in cui si pensò di spostare la costruzione del futuro stadio nella zona nord della Diagonal, fino a quando non fu eletto il nuovo presidente Francesc-Miró Sans che ristabilì le precedenti intenzioni: così nel 1954 fu posta la prima pietra del futuro Camp Nou.

Foto originale della costruzione del Camp Nou
Foto originale della costruzione del Camp Nou

L'inaugurazione del Camp Nou

L'investimento per la costruzione del nuovo stadio costò una fortuna e portò ad un debito che la società avrebbe dovuto estinguere in molti anni. La grande arena catalana fu inaugurata il 24 settembre del 1957: era il giorno della Mercè, la festa della patrona della città. Nonostante il lavoro dello stadio non fosse ancora completato, più di 90'000 spettatori poterono partecipare all'evento e nel pomeriggio si giocò la prima partita al suo interno.

Lo stadio oggi

Negli anni seguenti furono introdotte alcune innovazioni degne di nota: l'installazione dei riflettori nel 1959, l'arrivo del segnapunti elettronico nel '76 e la costruzione dell'area vip e stampa nel 1981/82. In quegli anni la capacità dello stadio era aumentata fino a raggiungere oggi la possibilità di ospitare 99'354 persone. Si ricorda anche che nel 1984 fu creato l'interessante museo della squadra, oggi visitabile da chiunque.

Visitare il Camp Nou

Visitare il Camp Nou è assolutamente consigliato, in particolare si suggerisce di scegliere la visita proposta da Barcellona.shop: un tour che include anche l'ingresso al museo del Barça. Dato che si tratta di un self-tour, forse si preferirà essere accompagnati da una guida esperta che soddisfi tutte le esigenze e risponda alle richieste di informazioni, oltre che offrirsi di accompagnarti direttamente in loco: in questo caso risulta perfetta la guida privata di Barcellona.shop, che è possibile riservare compilando il form di prenotazione di questo sito. In alternativa è possibile partecipare a più esperienze, acquistando un medesimo pacchetto turistico: è questo il caso della visita al Camp Nou associata al tour hop on hop off. Infine, anche disponendo di una iVenture card è possibile scegliere di visitare il più grande stadio di Barcellona, oltre che a un'ultima, emozionante opzione: assistere a una partita del mitico Barςa! I biglietti sono acquistabili direttamente sul nostro sito cliccando qui.

contentmap_plugin
 

Please publish modules in offcanvas position.