Il meglio del Raval

Il Raval ha una fama un po' ambigua: considerato superficialmente un quartiere "poco raccomandabile", nasconde nelle sue strade moltissime attrazioni che vanno al di là di palazzi e musei. Infatti si tratta di un quartiere da scoprire passeggiando nelle sue vie, che nascondono il meglio del suo forte carattere popolare.

Gatto di Botero
Gatto di Botero

Come arrivare nel Raval

Il Raval è uno dei quartieri che fanno parte del distretto della Ciutat Vella: ha una posizione centrale che confina con i quartieri di Sant Antoni, del Barrio Gotico e della Barceloneta. Le metropolitane che lo raggiungono sono tutte sulla linea L3 verde (Liceu e Drassanes) e L2 viola (Sant Antoni); a Paral-lel passano entrambe.

L'area coperta dal quartiere del Raval
L'area coperta dal quartiere del Raval

Il meglio del Raval

La cosa più bella che si può fare in questo quartiere è passeggiare nelle sue vie, lasciandosi trasportare dagli aromi etnici dei negozi di alimentari arabi di Carrer de Sant Antoni, fino alla bellissima Rambla del Raval, con le sue palme e l'inconfondibile (ed enorme) statua del Gatto di Botero, attrazione fotografata da moltissimi turisti. Perché il Raval è un quartiere da scoprire, spesso erroneamente etichettato come "pericoloso". Certo, la sera è sempre meglio girare in compagnia di qualcuno, ma più per l'elevata presenza di ubriachi (il quartiere è pieno di locali e di venditori ambulanti di birre) che per un reale pericolo. Nel Raval c'è molta povertà, evidente se si entra nel meraviglioso giardino interno alla Biblioteca de Catalunya,  accedendo da Carrer de l'Hospital o da Carrer del Carme: qui la bellezza architettonica del luogo, colorato dagli aranci, da una fontana e da un bar all'aperto, accoglie molti senza-tetto che si rifugiano nella quiete della corte per dormire o suonare malinconicamente la chitarra. Allo stesso tempo il Raval è sede anche di molte associazioni di beneficenza, come il Comedor Social (la mensa dei poveri) promossa dall'associazione chiamata Amor Gratis, che ogni mattina serve la colazione a decine di bisognosi in Carrer Robador. Un'altra via molto caratteristica del quartiere è Carrer dels Tallers, perfetta per gli amanti della musica e dei dischi d'autore: si tratta infatti di una delle tappe previste dall'itinerario nella musica per un giorno a Barcellona, proposto su questo stesso sito.

Attrazioni del Raval

Tra le principali attrazioni del Raval si annovera il Gran Teatre del Liceu, collocato sulla Rambla al civico 51. Qui sarà possibile assistere a grandi spettacoli messi in scena da artisti, ballerini, musicisti tra i migliori presenti sul panorama internazionale (prenotando il biglietto con un certo anticipo). Un'altra attrazione del quartiere è il Palau de la Virreina, che si colloca al civico 99 della Rambla e ospita al suo interno l'Istituto di Cultura di Barcellona. Si tratta di una entità pubblica voluta dal Comune della città, col fine di promuovere e incentivare le attività culturali della città, dentro le quali si include la programmazione di "La Virreina Centre de la Imatge".

Un'immagine di grande effetto è sicuramente quella mostrata dalla facciata principale di Palau Güell, un assaggio della meravigliosa atmosfera che si respira sul tetto, dove è possibile assistere a concerti coinvolgenti. Per gli amanti del buon cibo e degli ambienti frizzanti è d'obbligo infine una tappa al coloratissimo Mercato della Boqueria, che si incontra sulla Rambla.

I musei del Raval

Il Raval è anche ricco di musei, come il Museo Marittimo,  dove è  possibile girare tra velieri in legno a dimensioni reali, piccole barche e motoscafi, e infine documenti che testimoniano una parte importante della storia di Barcellona, quella legata al mare. Di tutt'altra epoca si tratta quando si parla del MACBA e del CCCB, due interessanti musei che raccontano l'arte contemporanea con esposizioni sempre nuove e installazioni interattive. Infine il Museo delle illusioni di Barcellona, collocato in Carrer del Pintor Fortuny 17, divertirà i turisti di tutte le età.

Se hai paura di perderti o vuoi un aiuto con lo spagnolo, chiedi alla guida privata promossa da Barcellona.shop di accompagnarti in un interessante tour privato nel Raval!

contentmap_plugin
 
Mostra Form Commento
Angelo
Io ho visitato il Raval e l' ho trovato interessante soprattutto per la varietà di negozi e prodotti etnici. Durante la notte sono andato in giro anche da solo e visto personaggi un po' strani ma mai avuto problemi. Il quartiere è tranquillo e ho notato che diversi Italiani stanno acquistando anche casa in questo quartiere

Please publish modules in offcanvas position.